CompactDAQ National InstrumentsDati, dati e ancora dati. Ce ne sono sempre di più e non sapremo che farcene se non riusciremo ad elaborarli in modo da estrarne informazioni utili ai nostri scopi.

National Instruments ha rinnovato la sua proposta dedicata all'acquisizione dati introducendo la nuova generazione della sua fortunata serie di controllori CompactDAQ e le versioni aggiornate delle sue soluzioni software DIAdem 2015 e DataFinder Server Edition 2015.

Un numero tra i tanti per intenderci sul significato di 'Big Analog Data': il CERN di Ginevra ha accumulato in 20 anni di esperimenti circa 100 Petabyte (100x1015) di dati, ma circa il 75% di questi è stato acquisito negli ultimi 3 anni!

Quindi, i dati non mancano di sicuro e non mancheranno in futuro. La soluzione proposta da National Instruments rimane concettualmente la stessa da quasi 30 anni a questa parte: hardware potente e con tecnologie commerciali, per sfruttare le economie di scala dell'elettronica di consumo, a cui si unisce un'intelligenza sintetizzata con un linguaggio di programmazione grafico orientato al trattamento del flusso di dati, in altre parole LabVIEW.

Acquisizione dati nel 1988Nel 1988 National Instruments definiva l'acquisizione dati l'arte di acquisire, analizzare e presentare all'utilizzatore finale il significato dei dati reali.

L'idea di fondo era quella di ottimizzare ogni passaggio della catena di trasformazione da una fonte di dati praticamente infinita ad una sintesi intelligente ed intellegibile.

Oggi la sfida non è cambiata, sono cambiati però gli ordini di grandezza delle quantità di dati da maneggiare.

Big Analog Data

 In questo percorso evolutivo, l'azienda americana punta al miglioramento continuo, per mettere gli utilizzatori della sua piattaforma hardware e software nelle migliori condizioni per affrontare le sfide attuali e i prodotti più recenti appena annunciati vanno in questa direzione.

Chassis CompactDAQ a 14 slot con USB 3.0

Con i i nuovi controller CompactDAQ a 4 e 8 slot con processore quad-core e col il nuovo chassis CompactDAQ USB 3.0 a 14 slot si sfruttano le innovazioni più recenti nel settore delle microelettronica, come i processori quad-core Intel Atom da 1,91 GHz, programmabili con la nuova versione del software di progettazione di sistema LabVIEW 2015.

Con Windows 7 Embedded e NI Linux Real-Time si sfruttano a fondo le capacità di una memoria non volatile di 32 GB e si una memoria removibile in formato SD per sviluppare applicazioni che immagazzinano grandi moli di dati, mentre l'interfaccia USB 3.0 integrata nel nuovo chassis CompactDAQ aiuta a realizzare sistemi di misura alto numero di canali senza ridurre la velocità di trasferimento verso il sistema di elaborazione e archiviazione gerarchicamente di ordine superiore.

DIAdem 2015

Lo stesso tipo di evoluzione viene perseguita a livello di aggregazione e analisi dei dati offline. Il software DIAdem 2015 a 64 bit aiuta chi ha la necessità di caricare e analizzare una grande mole di dati, mentre DataFinder Server Edition 2015 permette ricerche progressive multiquery, che possono essere indirizzate a server globalmente per trovare i dati che serve analizzare in pochi secondi.

Categoria: Acquisizione dati

Newsletter Settimanali

iscriviti-gratis

Seguici su:

Segui Strumentazione su Google Plus Segui Strumentazione su FacebookSegui Strumentazione su TwitterSegui Strumentazione su LinkedInicona-posta_48Ricevi il feed dei Nuovi Prodotti

L'esperto risponde

Hai un dubbio su come effettuare una misura o su come utilizzare un strumento?
Chiedi a un esperto del settore!
Risponderà alla tua domanda che sarà pubblicata nella sezione FAQ.

Rimani aggiornato

email Iscriviti alle nostre newsletter per rimanere aggiornato sulle novità



Strumentazione Elettronica su Facebook