I moduli LXI nascono per facilitarne il montaggio in un rack da 19 pollici oppure per essere sovrapposti semplicemente impilandoli uno sopra l’altro. Sono previsti moduli con un formato pari alla larghezza standard di un rack o pari alla larghezza dimezzata, con altezza pari a una (1U) o due (2U) unità rack.I moduli LXI possono essere completamente privi di display o manopole, poiché tutte le funzionalità di interfaccia utente possono essere demandate a un PC esterno collegato in rete.

I cavi di segnale sono attestati sul frontale del modulo, mentre sul retro si trovano i cavi di alimentazione e l’interfaccia Ethernet.

Gli strumenti LXI sono dotati ognuno di un sistema di alimentazione autonoma, mentre l’intelligenza di misura può essere interamente contenuta nel modulo LXI, parzialmente distribuita tra il modulo LXI e il software esterno, oppure totalmente nel software esterno.

Da notare che, a differenza di altre architetture modulari, come VXI e PXI, nel sistema LXI non è prevista la presenza di un particolare controllore di sistema, tipo Slot 0. Infatti, nel sistema LXI ogni modulo è indipendente e autonomo e le funzioni di coordinamento del sistema di misura possono essere svolte da una qualunque apparecchiatura informatica in grado di comunicare tramite la rete Ethernet, come ad esempio un normale PC. 

Ogni strumento con interfaccia LAN è uno strumento LXI?

No. Per evitare problemi di compatibilità, gli standard LXI definiscono le caratteristiche di base che uno strumento di misura deve rispettare affinché possa essere classificato come strumento LXI.Lo standard LXI fa riferimento ad alcuni standard aperti già esistenti con i quali uno strumento LXI deve essere compatibile, per esempio IEEE 802.3, IVI, IEEE-1588 e così via. Inoltre, sono previste specifiche norme riguardanti gli aspetti funzionali di ogni strumento LXI, come il raffreddamento, il sistema di trigger, le interfacce meccaniche, il software di auto configurazione, le interferenze EMI/RFI e così via.

Ma l’aspetto forse più importante critico di tutte le norme LXI è legato alle interfacce software e al meccanismo di sincronizzazione tra i vari moduli che compongono un sistema di misura completo. 

Come funziona il trigger nei moduli LXI?

I moduli LXI useranno il trigger in modo simile alla strumentazione classica controllata via GP-IB, dove un modulo potrà inviare un trigger via LAN per far partire la misura. Il trigger può anche essere attivato da un evento esterno utilizzando un ingresso di trigger.Per quelle applicazioni che necessitano di una sincronizzazione precisa tra i vari moduli, le specifiche LXI prevedono il ricorso allo standard IEEE-1588, che permette la sincronizzazione con precisione inferiore al microsecondo tra strumenti in tutte le parti del mondo attraverso la LAN.Inoltre, le specifiche LXI prevedono la definizione di un’interfaccia Trigger Bus per la sincronizzazione della strumentazione LXI con altre architetture modulari esistenti, come VXI bus.

Categoria: FAQ

Newsletter Settimanali

iscriviti-gratis

Seguici su:

Segui Strumentazione su Google Plus Segui Strumentazione su FacebookSegui Strumentazione su TwitterSegui Strumentazione su LinkedInicona-posta_48Ricevi il feed dei Nuovi Prodotti

L'esperto risponde

Hai un dubbio su come effettuare una misura o su come utilizzare un strumento?
Chiedi a un esperto del settore!
Risponderà alla tua domanda che sarà pubblicata nella sezione FAQ.

Rimani aggiornato

email Iscriviti alle nostre newsletter per rimanere aggiornato sulle novità



Strumentazione Elettronica su Facebook